Libri

Jennifer Lynch – Il Diario Segreto di Laura Palmer

La vicenda ha inizio con il ritrovamento del cadavere di Laura Palmer, bionda e bellissima diciassettenne di Twin Peaks, una ridente località di montagna nella quale si annidano insospettabili segreti…
Chi era veramente questa ragazza? Era felice o forse la tormentava qualcosa, quel “qualche cosa” che l’avrebbe portata alla sua orrenda fine?

image_book

Incipit & Citazioni

“Caro diario,
mi chiamo Laura Palmer e da tre minuti ho compiuto ufficialmente i dodici anni! È il 22 luglio 1984 ed è stata una giornata meravigliosa! Tu sei stato l’ultimo regalo che ho aperto e non vedevo l’ora di salire in camera mia per cominciare a parlarti di me e della mia famiglia. Mi confiderò con te. Prometto di raccontarti tutto quel che succede, tutto quello che provo, tutto quello che desidero. E tutto quello che penso. Ci sono certe cose che non posso dire a nessuno. Prometto di dirle a te.”

“Mentre tornavamo dalle scuderie papà ha detto che io e Troy compiamo gli anni lo stesso giorno perché quando un pony viene regalato a qualcuno che gli vuole bene hanno tutto in comune. Allora, buon compleanno anche a te, Troy!
Sono contenta di non sapere da dove viene, così è come se il Cielo l’avesse mandato apposta per me.
Comunque, diario, domani è un gran giorno e stanotte dormirò bene e sognerò Troy e tutto il tempo che passeremo insieme. Sono la ragazzina più fortunata del mondo.
Con affetto, Laura.

P.S. Spero che stanotte BOB non venga.”

“Dentro di me c’è qualcosa
Che nessuno conosce
Come un segreto
A volte s’impadronisce di me
E io risprofondo
Nell’oscurità.
Questo segreto mi dice
Che non invecchierò mai
Non riderò mai con gli amici
Non sarò mai chi devo essere se rivelerò
Il suo nome.
Non posso dire se è reale
O se è un sogno
Perché quando mi tocca
Io vado alla deriva
Non ci sono lacrime
Né grida
Sono avviluppata
In un incubo di mani
E di dita
E di vocine nel bosco.
Così sbagliata
Così bella
Così cattiva
Così Laura.”

“Sono stata ancora nel bosco. Mi sono perduta. Ma sono stata guidata. Credo di essere molto cattiva. Domani comincerò a vivere in un altro modo. Non avrò più cattivi pensieri. Non penserò più al sesso. Forse lui smetterà di venire se mi sforzerò di essere buona. Forse potrei essere come Donna. Lei è buona. Io sono cattiva.

P.S. Prometto, prometto, prometto di essere buona!”

“Guardo le altre ragazze che conosco, le altre ragazze che vedo, e sorridono tutte come faccio io. Forse dentro di loro cominciano a perdere tutto ciò che sanno? Hanno smesso di fidarsi di se stesse e di tutti coloro che hanno intorno, proprio come me? Ti prego, non voglio scoprire che sono l’unica sulla terra con questa sofferenza.”

“Se qualcuno che mi ama leggerà questo diario fra molti anni, lo prego di non odiarmi. Io sento quello che sento. Non faccio del male a nessun altro, e non voglio farne. Ogni giorno mi sforzo di essere migliore, più vicina al modo in cui penso che il mondo voglia vedere una ragazza come me.
Ma io sono Laura. Sono triste. Dio, sono di nuovo triste.
Perché? Sento la mancanza dell’allegria e di un giorno da passare con i miei amici che non si preoccupano di quello che penso a notte alta. Loro non mi odiano perché a volte sogno di notte con una mano fra le gambe, piena di vergogna, e perché vorrei che l’altra mano premesse semplicemente il grilletto.”

“Ero felice di vederla ma nello stesso tempo non lo ero più. […] Non siamo più due vere amiche. Siamo come tutti gli altri, immagino. Promettiamo che qualcosa durerà in eterno, mentre in realtà dura solo il tempo che impieghiamo a stancarcene.”

“Ho chiuso gli occhi e ho tenuto stretta la mano dell’infermiera. Vorrei che il bambino, chiunque sia, potesse tornare al momento giusto.
Quando sarò sposata. Quando ci sarà un’unione dalla quale nascerai, e non ne sarai responsabile. Tu, bambino, dovresti essere un dono per coloro che sono pronti, e non un peso come tanti altri prima di te. Torna, bambino mio, quando io non sarò più una bambina.

“Mi sono accorta subito che Lawrence era attratto da me.
L’importante non era questo, era l’origine della sua attrazione.
Si era innamorato delle due Laure, proprio della ragione per cui desideravo disperatamente morire. Quella che io consideravo come una maledizione, per lui era una cosa eccitante e onesta. Non rideva della mia sofferenza. L’accettava.
[…]
Forse è davvero come dice lui: ho semplicemente dimenticato cosa vuol dire essere amata.”

“Ho tanta paura della morte.
Ho tanta paura che nessuno mi crederà se non dopo che avrò preso il posto che viene tenuto libero per me nelle tenebre. Per favore, non odiarmi. Non volevo vedere le colline e il fuoco. Non volevo vederlo e lasciarlo entrare.
TI prego, diario, aiutami a spiegare a tutti che non volevo essere quella che sono diventata. Non volevo avere certi suoi ricordi e certe sue rivelazioni. Ho fatto soltanto quello che può fare ognuno di noi, in ogni situazione…
Il mio meglio.

Annunci

8 risposte a "Jennifer Lynch – Il Diario Segreto di Laura Palmer"

    1. Oddio, allora esiste ancora qualcuno che conosce Twin Peaks *_*
      È un miracolo *-*
      Angelo Badalamenti è un signor compositore… Le musiche di T.P. sono spettacolari, davvero…
      Ed oltre a quelle, ho apprezzato tanto le canzoni di Julee Cruise, in particolare ^-^

      Mi piace

        1. Sì, è vero xD
          Trasmette un senso di inquietudine… e questo è la prova che il compositore ha saputo fare il suo lavoro :3
          Sai, io sono sempre stata affascinata da Laura… ancora di più da quando ho letto il suo Diario. Per alcune cose mi sento quasi affine…

          Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...